Ciao!
Benvenuti
nel mare
dell'arte

Dopo una lunga meditazione e un meritato riposo sento il bisogno di rimettermi in gioco nella mia passione per l'arte. Vi informo che come figura di conoscitore e collezionista sono disponibile per fornire consigli e stime a tutti gli Amici e a vecchie e nuove conoscenze.

Vi presento la mia Collezione Privata, in modo che capiate come mi inserisco nel mondo dell'Antiquariato che con l'avvento della tecnologia e della modernità ha cambiato sistema di lavoro e l'approccio da parte dei fruitori.

La vecchia figura dell'Antiquario si è evoluta in base alle richieste del mercato e al nuovo mondo digitale che ha cambiato il nostro modo di vivere.

Il nuovo modo di pensare ed agire ha modificato i gusti del pubblico, spostando quello che era l'Antiquariato tradizionale (dai Babilonesi ad oggi) al Modernariato, al Contemporaneo fino al Design come ultima spiaggia.
Voglio quindi propormi, con la mia esperienza, per traghettarVi dall'Antico al Moderno.

La mia
Collezione
Privata

  • All
  • Collezione privata
Trumeau Altoveneto - Prima metà del XVIII secoloVenezia in LagunaLa SpecolaCredenza primi '800Il Cilindro di BianconiPozzo rinascimentaleComò Luigi XIVPosa di Natura Morta

Assaggi
del mio
lavoro

A.A.A. Antiquario con la "A" maiuscola, traguardo difficile da raggiungere in quanto comporta professionalità, studio, ricerca, serietà e onestà!!!

Biennale Strozzi 1981

Palazzo STROZZI

Biennale Internazionale Antiquariato - 1981

Dogi Veneziani

Antiquaria VENEZIA

Biennale Internazionale Antiquariato - 1990

specchiera veneziana intagliata in noce

Antiquariato Villa MANIN

Antiquariato Mercato e Cultura, Villa Manin - 1983

letti Impero

Antiquaria PADOVA

Mostra Mercato d'Antiquariato - 1999

  • Villa
    delle Rose

    ora Villa Broggiato
    on-sale
    (in vendita)

  • Le ricerche sui catasti storici testimoniano la presenza della villa nell'Ottocento. La villa sorge nel 1600 su preesistenze quattrocentesche e viene profondamente rimaneggiata nel tardo 1800 in stile neogotico. A quell'epoca apparteneva a Costantino Querini, ma poi cambiò più volte proprietario sino a giungere nel 1948 nelle mani di Arturo Bruno
  • che nel parco attiguo allestisce il primo campeggio padovano chiamato “Camping delle Rose” attivo fino al 1972. Pochi anni dopo il complesso viene acquistato da Giancarlo Broggiato che ne ha fatto per anni il suo ambiente di vita e lavoro, dedicandosi completamente all'antiquariato vero.
    Dal 1977 al 2016.
    Ora residenza privata.
  • Camping Villa delle Rose
  • Villa delle Rose nel 1979
  • Villa delle Rose nel 1980
  • Villa delle Rose adesso
  • Villa delle Rose dal giardino
  • Showroom nella vecchia Barchessa
  • La facciata principale di Villa delle Rose
  • Il viale principale di VIlla delle Rose
  • L'antico ingresso della Villa delle Rose
  • Il Gioradino di Villa delle Rose
  • Il salone di Villa delle Rose
  • La camera padronale di Villa delle Rose
  • La grande cucina di Villa delle Rose
  • Il giardino dal balcone
  • Villa
    Martinengo

    ora Villa Broggiato
    on-sale
    (in vendita)

  • L’edificio di valore monumentale ed ambientale, vincolato secondo la Legge 1089/39 con decreto n° 41 di notifica risalente all’agosto 1966, è noto come “Palazzo Martinengo – Sorgato” del XVII secolo. L’edificio si presenta come altre tipologie di “VILLE VENETE”, composto da un piano seminterrato, una cantina, un piano terra, un ammezzato, un piano primo “nobile” e un sottotetto servito da scale.
  • Palazzo veneziano in riva al fiume Bacchiglione. Fatto costruire dalla Repubblica Veneziana alla fine del 1500, come punto di riferimento per le spedizioni fluviali verso Venezia. Palazzo donato alla Famiglia Martinengo il cui capostipite era un Capitano di Ventura della Repubblica Marinara. A questo fanno riferimento i due obelischi in prospetto.
    Ora residenza privata.
  • 22p
  • 20p
  • 18p
  • 59p
  • 53p
  • 40p
  • 37p
  • 31p
  • 32p
  • 36p
  • 42p
  • 43p
  • 44p
  • 27p

IMG 1167p villa e fiume pE' stata un punto cruciale di riferimento per la navigazione interna fluviale. Collegava infatti l'entroterra limitrofo a Bovolenta con Venezia per il trasporto di derrate alimentari e di tutti quei materiali necessari al fabbisogno e la gestione della città lagunare. Attività che dai primi del '600 fino alla fine della Seconda guerra Mondiale si è svolta con continuità in quanto unico accesso fluviale per il trasporto verso la laguna.
La stessa si è arenata e completamente dismessa, ed è stata sostituita dal trasporto su gomma, più veloce ed allineato ai tempi moderni.
A ricordo di questi tempi e di queste attività rivierasche rimane traccia e testimonianza il Museo della Navigazione Interna "Museo dei Barcari"

Per
informazioni
scrivetemi

 
Via Colombo, 2
Albignasego (PD) - 35100

Non esitate a inviarmi una e-mail. Sarò felice di rispondere a tutte le vostre richieste.